Dopo l'uscita del libro "Saperebere" il testo del sito è coperto da diritti d'autore.
Per acquistare il libro contattare la Graphot allo 011 2386281 o a questo link.

Chiudi

Amari I

Amaro 18 Isolabella

Grande amaro del passato, prodotto da una casa storica, la Egidio Isolabella, fondata nel 1871, inventrice anche del famoso Mandarinetto (trattato nel paragrafo dedicato), il liquore agrumato in voga verso la fine del 1800.
Come spesso accade, la Casa nacque come fabbricante di vermouth, visto il successo della tipologia nel secolo scorso, poi ,considerata l’expertise in campo botanico, si passò a produrre, anche un amaro. L’amaro nacque con connotazioni curative come la maggioranza dei prodotti dell’epoca.
L’ispirazione per il nome venne alquanto naturale e spontanea: l’infusione dell’amaro contava 18 erbe selezionate, così come 18 era la licenza dell’Azienda per la produzione di alcolici. Esistono però delle immagini storiche dell'”Amaro 1918″ che potrebbero far pensare alla data storica legata alla fine della grande guerra. L’immagine curativa viene enfatizzata anche dalla presenza dell’infermiera che porge un bicchiere, sottolineato dallo slogan “Per la salute”.
L’amaro ebbe veri momenti di gloria con pubblicità televisive all’avanguardia, così come accadde per il Mandarinetto.
L’attuale amaro consta di una gradazione alcolica di 30 gradi e risulta piacevole ed equilibrato.
Oggi la proprietà storica produce vini come “Tenuta Isolabella”, mentre l’amaro è in carico al pacchetto prodotti della Ilva.
Una curiosità: l’amaro è presente all’interno della ricetta di un cocktail il “Baby Darling”, vincitore di un concorso nazionale Aibes nel 1966, inventato da Luigi de Martinis, della sezione di Milano, composto da 2 cl di Vermouth rosso, 2 cl di amaro 18, 2 cl di rum invecchiato 5 anni e gocce di Galliano.

Amaro Iannamico

amaro-abruzzo-600x600Amaro abruzzese, nato nel 1888 dalle Distillerie Jannamico, il suo ideatore è il Cav. Francesco Iannamico che lo produsse con erbe di montagna, provenienti dal bellissimo Parco della Maiella. L’esordio del prodotto fu assolutamente bruciante e da ricordare come esempio unico negli annali della tipologia.
Nei tre anni seguenti al suo lancio commerciale e cioè nel 1898, 1899 e 1900 si aggiudicò decine di onorificenze ufficiali ai vari saloni a cui partecipò a Parigi, Strasburgo, Londra, Napoli e Torino.
Il prodotto è un classico amaro di tradizione con scia amaricante ben dosata e zucchero a bilanciare.
L’uso di erbe del territorio si sente sopratutto al gusto dove la genziana, vera eccellenza regionale, si fa sentire con le sue note legnose.
Oggi l’azienda è in mano ai discendenti del cavaliere e la produzione si è diversificata con i liquori tipici della tradizione italiana come il nocino, la genziana, la sambuca e il ratafià di ciliegie.