Dopo l'uscita del libro "Saperebere" il testo del sito è coperto da diritti d'autore.
Per acquistare il libro contattare la Graphot allo 011 2386281 o a questo link.

Chiudi

Regolamenti Produttivi Europei

Questo paragrafo di saperebere.com ha lo scopo di comunicare quali siano i regolamenti europei circa la produzione di distillati, liquori e vini aromatizzati per dare un idea al barman ed all’appassionato dei parametri produttivi e qualitativi di ogni distillato.

Per una completa comprensione è necessaria una certa conoscenza delle basi della distillazione.

Per facilitare la lettura sono stati estrapolati i singoli distillati, pertanto eventuali comma di puntualizzazione legati alle materie prime, non trovano risposta nella pagina ma nel regolamento globale che è fruibile nel paragrafo.

Questa operazione è stata fatta solo per i prodotti dei paragrafi maggiormente letti e visitati. Se siete alla ricerca di un particolare liquore o distillato di nicchia consultate il Regolamento al completo.

Il paragrafo si ripromette anche di essere uno strumento utile a chi voglia intraprendere un’attività produttiva e voglia avere un quadro preciso di come si ottenga a livello industriale un distillato od un liquore.

I dati provengono da :
PER I DISTILLATI : REGOLAMENTO (Comunità Europea) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (per il gin aggiornamento del 2014)
PER IL VERMOUTH: REGOLAMENTO (Comunità Europea) n° 251/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (Per il Vermouth di Torino atteso Disciplinare Ufficiale)

Regolamento Produttivo Europeo Distillati e LiquoriRegolamento Produttivo Europeo per i Vini Aromatizzati

 

Introduzione alla lettura

Il paragrafo destinato ai regolamenti europei permette una facile fruizione al lettore degli elementi base della produzione delle singole acquaviti, liquori e vermouth.

I prodotti presenti sono solamente quelli che hanno origine europea (il rhum è prodotto a sull’isola portoghese di Madeira e da colonie francesi nei Caraibi)

I vari comma che incontrerete lungo la lettura non sono stati incorporati per evitare di rendere poco fruibile il capitolo.

Ma se oggetto di verifica sono presenti nel documento unico presente nel paragrafo che incorpora anche prodotti non presenti in maniera massiccia sul mercato italiano come le acquaviti di frutta e di birra.

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 

a) l’acquavite di frutta è una bevanda spiritosa:

i) ottenuta esclusivamente mediante fermentazione alcolica e distillazione di un frutto polposo o di un mosto di tale frutto, bacche o ortaggi, con o senza nocciolo;
ii) distillata a meno di 86 % vol. cosicché il prodotto della distillazione abbia un aroma e un gusto provenienti da materie prime distillate;
iii) con un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 200 g/hl di alcole a 100 % vol.;
iv) con un tenore massimo di acido cianidrico di 7 g/hl di alcole a 100 % vol. nel caso delle acquaviti di frutta con nocciolo;

b) l’acquavite di frutta ha un tenore massimo di metanolo di 1 000 g/hl di alcole a 100 % vol.
Per le seguenti acquaviti di frutta è tuttavia consentito un tenore massimo di metanolo di:

i) 1200 g/hl di alcole a 100 % vol. per le acquaviti ottenute dai frutti seguenti:

— prugne (Prunus domestica L.),
— prugne mirabelle (Prunus domestica L. subsp. syriaca (Borkh.) Janch. ex Mansf.),
— prugne (quetsche) (Prunus domestica L.),
— mele (Malus domestica Borkh.),
— pere (Pyrus communis L.) eccetto le pere Williams (Pyrus communis L. cv «Williams»),
— lamponi (Rubus idaeus L.),
— more (Rubus fruticosus auct. aggr.),
— albicocche (Prunus armeniaca L.),
— pesche (Prunus persica L. Batsch);

 ii) 1350 g/hl di alcole a 100 % vol per le acquaviti ottenute dai frutti o dalle bacche seguenti:

— pere Williams (Pyrus communis L. cv «Williams»),
— ribes rossi (Ribes rubrum L.),
— ribes neri (Ribes nigrum L.),
— sorbe (Sorbus aucuparia L.),
— bacche di sambuco (Sambucus nigra L.),
— mele cotogne (Cydonia oblonga Mill.),
— bacche di ginepro (Juniperus communis L. e/o Juniperus oxicedrus L.);

c) il titolo alcolometrico volumico minimo dell’acquavite di frutta è di 37,5 % vol.;

d) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

e) l’acquavite di frutta non è aromatizzata;

f) la denominazione di vendita dell’acquavite di frutta è «acquavite di» seguita dal nome del frutto, della bacca o dell’ortaggio: acquavite di ciliegie o kirsch, acquavite di prugne o slivovice, di mirabelle, di pesche, di mele, di pere, di albicocche, di fichi, di agrumi, di uva o di qualsiasi altro frutto.

Può essere utilizzata anche la denominazione wasser preceduta dal nome del frutto.

Il nome del frutto può sostituire la denominazione «acquavite di» seguita dal nome del frutto soltanto nel caso dei frutti o dalle bacche seguenti:

— prugne mirabelle (Prunus domestica L. subsp. syriaca (Borkh.)— prugne (Prunus domestica L.),
— prugne (quetsche) (Prunus domestica L.),
— corbezzole (Arbutus unedo L.),
— mele «Golden Delicious».

Se vi fosse il rischio per il consumatore finale di non capire facilmente una di tali denominazioni di vendita, l’etichettatura conterrà il termine «acquavite», eventualmente completato da una spiegazione;

g) la denominazione Williams è riservata all’acquavite di pere ottenuta unicamente da pere della varietà Williams;

h) qualora siano distillati insieme due o più tipi di frutti, bacche o ortaggi, il prodotto è venduto con la denominazione «acquavite di frutta» o, se del caso, «acquavite di ortaggi». Detta denominazione può essere completata dal nome di ciascun tipo di frutto, bacca o ortaggio secondo l’ordine decrescente dei quantitativi impiegati.

 

DENOMINAZIONI DÌ ORIGINE EUROPEE

Germania
Schwarzwälder Kirschwasser Germania
Schwarzwälder Mirabellenwasser Germania
Schwarzwälder Williamsbirne Germania
Schwarzwälder Zwetschgenwasser Germania
Fränkisches Zwetschgenwasser Germania
Fränkisches Kirschwasser Germania
Fränkischer Obstler Germania

Francia
Mirabelle de Lorraine Francia
Kirsch d’Alsace Francia
Quetsch d’Alsace Francia
Framboise d’Alsace Francia
Mirabelle d’Alsace Francia
Kirsch de Fougerolles Francia
Williams d’Orléans Francia

Italia
Südtiroler Williams/Williams dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Aprikot/Aprikot dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Marille/Marille dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Kirsch/Kirsch dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Zwetschgeler/Zwetschgeler dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Obstler/Obstler dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Gravensteiner/Gravensteiner dell’Alto Adige Italia
Südtiroler Golden Delicious/Golden Delicious dell’Alto Adige Italia
Williams friulano/Williams del Friuli Italia
Sliwovitz del Veneto Italia
Sliwovitz del Friuli-Venezia Giulia Italia
Sliwovitz del Trentino-Alto Adige Italia
Distillato di mele trentino/Distillato di mele del Trentino Italia
Williams trentino/Williams del Trentino Italia
Sliwovitz trentino/Sliwovitz del Trentino Italia
Aprikot trentino/Aprikot del Trentino Italia
Kirsch Friulano/Kirschwasser Friulano Italia
Kirsch Trentino/Kirschwasser Trentino Italia
Kirsch Veneto/Kirschwasser Veneto Italia

Portogallo
Medronho do Algarve Portogallo
Medronho do Buçaco Portogallo
Aguardente de pêra da Lousã Portogallo

Lussemburgo
Eau-de-vie de pommes de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo
Eau-de-vie de poires de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo
Eau-de-vie de kirsch de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo
Eau-de-vie de quetsch de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo
Eau-de-vie de mirabelle de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo
Eau-de-vie de prunelles de marque nationale luxembourgeoise Lussemburgo

Austria
Wachauer Marillenbrand

Ungheria
Szatmári Szilvapálinka Ungheria
Kecskeméti Barackpálinka Ungheria
Békési Szilvapálinka Ungheria
Szabolcsi Almapálinka Ungheria
Gönci Barackpálinka Ungheria
Pálinka Ungheria

Slovacchia
Bošácka slivovica Slovacchia
Brinjevec Slovenia
Dolenjski sadjevec Slovenia

Bulgaria
Троянска сливова ракия/Сливова ракия от Троян/Troyanska slivova rakya/Slivova rakya from Troyan Bulgaria
Силистренска кайсиева ракия/Кайсиева ракия от Силистра/ Silistrenska kaysieva rakya/Kaysieva rakya from Silistra Bulgaria
Тервелска кайсиева ракия/Кайсиева ракия от Тервел/Tervelska
kaysieva rakya/Kaysieva rakya from TervelBulgaria
Ловешка сливова ракия/Сливова ракия от Ловеч/Loveshka
slivova rakya/Slivova rakya from Lovech Bulgaria

Romania
Pălincă Romania
Ţuică Zetea de Medieşu Aurit Romania
Ţuică de Valea Milcovului Romania
Ţuică de Buzău Romania
Ţuică de Argeş Romania
Ţuică de Zalău Romania
Ţuică Ardelenească de Bistriţa Romania
Horincă de Maramureş Romania
Horincă de Cămârzana Romania
Horincă de Seini Romania
Horincă de Chioar Romania
Horincă de Lăpuş Romania
Turţ de Oaş Romania
Turţ de Maramureş Romania

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) L’acquavite di sidro di mele e l’acquavite di sidro di pere sono bevande spiritose:

i) ottenute esclusivamente mediante distillazione a meno di 86 % vol., di sidro di mele e di sidro di pere, cosicché il prodotto della distillazione abbia un aroma e un gusto provenienti dai frutti;
ii) con un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 200 g/hl di alcole a 100 % vol.;
iii) con un tenore massimo di metanolo di 1 000 g/hl di alcole a 100 % vol.;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo dell’acquavite di sidro di mele e di sidro di pere è di 37,5 % vol.;

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

d) l’acquavite di sidro di mele o di sidro di pere non è aromatizzata;

e) l’acquavite di sidro di mele o di sidro di pere può contenere caramello aggiunto solo come colorante.

 

DENOMINAZIONI EUROPEE

CALVADOS
Calvados Francia
Calvados Pays d’Auge Francia
Calvados Domfrontais Francia

ALTRE DENOMINAZIONI

Francia
Eau-de-vie de cidre de Bretagne Francia
Eau-de-vie de poiré de Bretagne Francia
Eau-de-vie de cidre de Normandie Francia
Eau-de-vie de poiré de Normandie Francia
Eau-de-vie de cidre du Maine Francia

Aguardiente de sidra de Asturias Spagna
Eau-de-vie de poiré du Maine Francia

L’Ungheria ha presentato domanda di registrazione per la denominazione «Újfehértói meggypálinka» in quanto indicazione geografica nell’allegato III del regolamento (CE) n. 110/2008, conformemente alla procedura di cui all’articolo 17, paragrafo 1, del suddetto regolamento. L’«’Újfehértói meggypálinka» è un’acquavite di frutta prodotta tradizionalmente in Ungheria esclusivamente a partire dalle varietà di ciliegie acide «Újfehértói fürtös» e «Debreceni bőtermő». I principali requisiti della scheda tecnica relativi al «Újfehértói meggypálinka» sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ( 2 ) ai fini della procedura di opposizione, conformemente all’articolo 17, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 110/2008. Poiché alla Commissione non è stata notificata alcuna dichiarazione di opposizione ai sensi dell’articolo 17, paragrafo 7, del regolamento (CE) n. 110/2008, la denominazione «Újfehértói meggypálinka» deve essere registrata come indicazione geografica nell’allegato III del regolamento.

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) L’acquavite di vinaccia o marc è la bevanda spiritosa che soddisfa i requisiti seguenti:

i) è ottenuta esclusivamente da vinacce fermentate e distillate direttamente mediante vapore acqueo oppure dopo l’aggiunta di acqua;
ii) alle vinacce può essere aggiunta una quantità di fecce non superiore a 25 kg di fecce per 100 kg di vinacce utilizzate;
iii) la quantità di alcole proveniente dalle fecce non può superare il 35 % della quantità totale di alcole nel prodotto finito;
iv) la distillazione è effettuata in presenza delle vinacce a meno di 86 % vol.;
v) è autorizzata la ridistillazione alla stessa gradazione alcolica;
vi) ha un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 140 g/hl di alcole a 100 % vol. e un tenore massimo di metanolo di 1 000 g/hl di alcole a 100 % vol.;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo dell’acquavite di vinaccia o marc è di 37,5 % vol.;

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

d) l’acquavite di vinaccia o marc non è aromatizzata. Ciò non esclude i metodi di produzione tradizionali;

e) l’acquavite di vinaccia o marc può contenere caramello aggiunto solo come colorante.

 

DENOMINAZIONI EUROPEE

Italia
Grappa di Barolo Italia
Grappa piemontese/Grappa del Piemonte Italia
Grappa lombarda/Grappa di Lombardia Italia
Grappa trentina/Grappa del Trentino Italia
Grappa friulana/Grappa del Friuli Italia
Grappa veneta/Grappa del Veneto Italia
Südtiroler Grappa/Grappa dell’Alto Adige Italia
Grappa siciliana/Grappa di Sicilia Italia
Grappa di Marsala Italia

ALTRE ACQUAVITI DÌ VINACCIA EUROPEE

Francia
Marc de Champagne/Eau-de-vie de marc de Champagne Francia
Marc d’Aquitaine/Eau-de-vie de marc originaire d’Aquitaine Francia
Marc de Bourgogne/Eau-de-vie de marc de Bourgogne Francia
Marc du Centre-Est/Eau-de-vie de marc originaire du Centre-Est Francia
Marc de Franche-Comté/Eau-de-vie de marc originaire de
Franche-Comté Francia
Marc du Bugey/Eau-de-vie de marc originaire de Bugey Francia
Marc de Savoie/Eau-de-vie de marc originaire de Savoie Francia
Marc des Côteaux de la Loire/Eau-de-vie de marc originaire des Coteaux de la Loire Francia
Marc des Côtes-du-Rhône/Eau-de-vie de marc des Côtes du Rhône Francia
Marc de Provence/Eau-de-vie de marc originaire de Provence Francia
Marc du Languedoc/Eau-de-vie de marc originaire du Languedoc Francia
Marc d’Alsace Gewürztraminer Francia
Marc de Lorraine Francia
Marc d’Auvergne Francia
Marc du Jura Francia

Portogallo
Aguardente Bagaceira Bairrada Portogallo
Aguardente Bagaceira Alentejo Portogallo
Aguardente Bagaceira da Região dos Vinhos Verdes Portogallo
Aguardente Bagaceira da Região dos Vinhos Verdes de Alvarinho Portogallo

Spagna
Orujo de Galicia

Grecia
Τσικουδιά/Tsikoudia Grecia
Τσικουδιά Κρήτης/Tsikoudia di Creta Grecia
Τσίπουρο/Tsipouro Grecia
Τσίπουρο Μακεδονίας/Tsipouro di Macedonia Grecia
Τσίπουρο Θεσσαλίας/Tsipouro di Tessaglia Grecia
Τσίπουρο Τυρνάβου/Tsipouro di Tyrnavos Grecia

Lussemburgo
Eau-de-vie de marc de marque nationale luxembourgeoise

Cipro
Ζιβανία/Τζιβανία/Ζιβάνα/Zivania

Ungheria
Törkölypálinka

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) L’acquavite di vino è la bevanda spiritosa:

i) ottenuta esclusivamente dalla distillazione di vino o di vino alcolizzato a meno di   86 % vol. o dalla ridistillazione di un distillato di vino a meno di 86 % vol.;
ii) con un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 125 g/hl di alcole a 100 % vol.;
iii) con un tenore massimo di metanolo di 200 g/hl di alcole a 100 % vol.;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo dell’acquavite di vino è di 37,5 % vol.;

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

d) l’acquavite di vino non è aromatizzata. Ciò non esclude i metodi di produzione tradizionali;

e) l’acquavite di vino può contenere caramello aggiunto solo come colorante;

f) se sottoposta a invecchiamento, l’acquavite di vino può continuare ad essere commercializzata come «acquavite di vino» purché il periodo di invecchiamento sia uguale o superiore a quello stabilito per la bevanda spiritosa.

 

a) Il brandy o Weinbrand è la bevanda spiritosa:

i) ottenuta da acquaviti di vino, con aggiunta o meno di distillato di vino distillato a meno di 94,8 % vol., a condizione che tale distillato non superi il limite massimo di 50 % del tenore alcolico del prodotto finito;
ii) invecchiata in recipienti di quercia per almeno un anno o per almeno sei mesi se la capacità dei recipienti di quercia è inferiore a 1 000 l; L 39/30 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 13.2.2008
iii) con un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 125 g/hl di alcole a 100 % vol., provenienti esclusivamente dalla distillazione o dalla ridistillazione delle materie prime utilizzate;
iv) con un tenore massimo di metanolo di 200 g/hl di alcole a 100 % vol.;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del brandy o Weinbrand è di 36 % vol.;

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

d) il brandy o Weinbrand non è aromatizzato.  Ciò non esclude i metodi di produzione tradizionali con concia;

e) il brandy o Weinbrand può contenere caramello aggiunto solo come colorante.

 

DENOMINAZIONE DÌ ORIGINE

Cognac ed armagnac hanno invecchiamenti e regole proprie, diverse da quanto scritto sopra, contenute nel sia nel sito Saperebere.com paragrafi dedicati o nel “Saperebere per tutti”. Questi prodotti sono acquaviti prodotto nell’area di cognac che non rispettano il disciplinare di invecchiamento, ad esempio le acquaviti di vino “bianche” da miscelazione di recente nascita.

Eau-de-vie de Cognac Francia
Eau-de-vie des Charentes Francia
Eau-de-vie de Jura Francia

 

COGNAC
Acquavite che rispetta il disciplinare di invecchiamento minimo di 30 mesi

Francia
La denominazione «Cognac» può essere completata dai termini seguenti:
Grand Fine Champagne
Grande Champagne
Petite Fine Champagne
Petite Champagne
Fine Champagne
Borderies
Fins Bois
Bons Bois

 

ARMAGNAC

Francia
Armagnac
Bas-Armagnac
Haut-Armagnac
Armagnac-Ténarèze
Blanche Armagnac

 

BRANDY
Brandy de Jerez Spagna
Brandy del Penedés Spagna
Brandy italiano
Brandy français/Brandy de France Francia

 

ALTRE ACQUAVITI

Francia
Eau-de-vie de vin de la Marne Francia
Eau-de-vie de vin originaire d’Aquitaine Francia
Eau-de-vie de vin de Bourgogne Francia
Eau-de-vie de vin originaire du Centre-Est Francia
Eau-de-vie de vin originaire de Franche-Comté Francia
Eau-de-vie de vin originaire du Bugey Francia
Eau-de-vie de vin de Savoie Francia
Eau-de-vie de vin originaire des Coteaux de la Loire Francia
Eau-de-vie de vin des Côtes-du-Rhône Francia
Eau-de-vie de vin originaire de Provence Francia
Eau-de-vie de Faugères/Faugères Francia
Eau-de-vie de vin originaire du Languedoc Francia

Portogallo
Aguardente de Vinho Douro Portogallo
Aguardente de Vinho Ribatejo Portogallo
Aguardente de Vinho Alentejo Portogallo
Aguardente de Vinho da Região dos Vinhos Verdes Portogallo
Aguardente de Vinho da Região dos Vinhos Verdes de Alvarinho Portogallo
Aguardente de Vinho Lourinhã Portogallo

Bulgaria
Сунгурларска гроздова ракия/Гроздова ракия от Сунгурларе/Sungurlarska grozdova rakya/Grozdova rakya from Sungurlare Bulgaria
Сливенска перла (Сливенска гроздова ракия/Гроздова ракия от Сливен)/Slivenska perla (Slivenska grozdova rakya/Grozdova rakya from Sliven) Bulgaria
Стралджанска Мускатова ракия/Мускатова ракия от Стралджа/Straldjanska Muscatova rakya/Muscatova rakya from Straldja Bulgaria
Поморийска гроздова ракия/Гроздова ракия от Поморие/ Pomoriyska grozdova rakya/Grozdova rakya from Pomorie Bulgaria
Русенска бисерна гроздова ракия/Бисерна гроздова ракия от Русе/Russenska biserna grozdova rakya/Biserna grozdova rakya from Russe
Бургаска Мускатова ракия/Мускатова ракия от Бургас/Bourgaska Muscatova rakya/Muscatova rakya from Bourgas  Bulgaria
Добруджанска мускатова ракия/Мускатова ракия от Добруджа/Dobrudjanska muscatova rakya/muscatova rakya from Dobrudja Bulgaria
Сухиндолска гроздова ракия/Гроздова ракия от Сухиндол/Suhindolska grozdova rakya/Grozdova rakya from SuhindolBulgaria
Карловска гроздова ракия/Гроздова Ракия от Карлово/Karlovska grozdova rakya/Grozdova Rakya from Karlovo Bulgaria

Romania
Vinars Târnave Romania
Vinars Vaslui Romania
Vinars Murfatlar Romania
Vinars Vrancea Romania
Vinars Segarcea Romania

Deutscher Weinbrand Germania
Wachauer Weinbrand Austria
Dürnstein Weinbrand Austria
Pfälzer Weinbrand Germania
Karpatské brandy špeciál Slovacchia

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) Il gin è la bevanda spiritosa al ginepro ottenuta mediante aromatizzazione con bacche di ginepro (Juniperus communis L.) di alcole etilico di origine agricola avente le caratteristiche organolettiche appropriate;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del gin è di 37,5 % vol.;

c) nella produzione del gin possono essere impiegate soltanto sostanze aromatizzanti naturali e/o identiche a quelle naturali quali definite all’articolo 1, paragrafo 2, lettera b), punti i) e ii), della direttiva 88/388/CEE e/o preparazioni aromatiche quali definite all’articolo 1, paragrafo 2, lettera c), della medesima direttiva, ma il gusto di ginepro deve essere predominante.

L’allegato II del regolamento (CE) n. 110/2008 prevede la possibilità di adoperare il termine «dry» per la categoria di bevande spiritose «London gin». Tale bevanda spiritosa non può contenere edulcoranti in misura superiore a 0,1 grammi di zuccheri per litro. Per le categorie di bevande spiritose «gin» e «gin distillato» non è stato fissato alcun limite relativamente all’aggiunta di edulcoranti. Tuttavia, allorché il «gin» e il «gin distillato» sono prodotti senza zuccheri o con un tenore di zuccheri non superiore a 0,1 grammi per litro, la possibilità di adoperare il termine «dry» deve essere estesa a tali bevande spiritose conformemente al suddetto allegato.

Articolo 1 Gli allegati II e III del regolamento (CE) n. 110/2008 sono modificati come segue:
1) L’allegato II è modificato come segue:
a) al punto 20, «Gin», è aggiunta la seguente lettera d):
«d) Il termine “gin” può essere completato dal termine “dry” se non contiene edulcoranti in misura superiore a 0,1 grammi di zucchero per litro di prodotto finale.»
b) al punto 21, «gin distillato», è aggiunta la seguente lettera d):
«d) Il termine “gin distillato” può essere completato dal termine “dry” se non contiene edulcoranti in misura superiore a 0,1 grammi di zucchero per litro di prodotto finale.»

21. Gin distillato

a) Il gin distillato è:

i) la bevanda spiritosa al ginepro ottenuta esclusivamente mediante ridistillazione di alcole etilico di origine agricola di qualità adeguata, avente le caratteristiche organolettiche appropriate e con un titolo alcolometrico iniziale di almeno 96 % vol., utilizzando i tradizionali alambicchi da gin, in presenza di bacche di ginepro (Juniperus communis L.) e di altri prodotti vegetali naturali, a condizione che il gusto di ginepro sia predominante; oppure
ii) la miscela del prodotto di tale distillazione con alcole etilico di origine agricola di uguale composizione, purezza e titolo alcolometrico. Per l’aromatizzazione del gin distillato possono essere impiegate anche sostanze aromatizzanti naturali e/o identiche a quelle naturali e/o preparazioni aromatiche come indicato alla categoria 20, lettera c);

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del gin distillato è di 37,5 % vol.;

c) il gin ottenuto unicamente aggiungendo essenze o aromi all’alcole etilico di origine agricola non è gin distillato. 13.2.2008 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 39/37

22. London gin

a) Il London gin è un tipo di gin distillato:

i) ottenuto esclusivamente da alcole etilico di origine agricola, con un tenore massimo di metanolo di 5 g/hl di alcole al 100 % vol., il cui aroma è dovuto esclusivamente alla ridistillazione di alcole etilico in alambicchi tradizionali, in presenza di tutti i materiali vegetali naturali impiegati;
ii) avente un titolo alcolometrico pari o superiore a 70 % vol.;
iii) qualora sia aggiunto altro alcole etilico di origine agricola, esso deve essere conforme alle caratteristiche di cui all’allegato I, punto 1), ma con un tenore massimo di metanolo non superiore a 5 g/hl di alcole al 100 % vol;
iv) non contenente edulcoranti in quantità superiore a 0,1 g/l di prodotto finale o coloranti aggiunti;
v) non contenente alcun altro ingrediente aggiunto diverso dall’acqua;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del London gin è di 37,5 % vol.;

c) il termine London gin può essere completato dal termine «dry».

 

DENOMINAZIONI EUROPEE

Genièvre/Jenever/Genever
Belgio Paesi Bassi
Francia
(dipartimenti Nord (59) e Pas-de-Calais (62),
Germania (Länder tedeschi Renania settentrionale-Vestfalia e Bassa Sassonia)

Genièvre de grains, Graanjenever, Graangenever
Belgio
Paesi Bassi
Francia
[dipartimenti Nord (59) e Pas-de-Calais (62)]

Jonge jenever, jonge genever
Belgio
Paesi Bassi

Oude jenever, oude genever Belgio  Paesi Bassi

Hasseltse jenever/Hasselt Belgio (Hasselt, Zonhoven, Diepenbeek)

Balegemse jenever Belgio (Balegem)

O’ de Flander-Oost-Vlaamse Graanjenever Belgio (Fiandra orientale)

Peket-Pékêt/Pèket-Pèkèt de Wallonie  Belgio (Vallonia)

Genièvre Flandres Artois  Francia [dipartimenti Nord (59) e Pas-de-Calais (62)]

Ostfriesischer Korngenever Germania

Steinhäger Germania

Plymouth Gin Regno Unito

Gin de Mahón Spagna

Vilniaus Džinas/Vilnius Gin Lituania

Slovacchia
Spišská borovička
Slovenská borovička Juniperus
Slovenská borovička
Inovecká borovička
Liptovská borovička

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) Il liquore è la bevanda spiritosa:

i) avente un tenore minimo di zuccheri, espresso in zucchero invertito, di:

— 70 g/l per i liquori di ciliegia il cui alcole etilico è costituito esclusivamente da acquavite di ciliegie,— 80 g/l per i liquori di genziana o liquori simili prodotti utilizzando esclusivamente la genziana o piante simili come sostanza aromatizzante,
— 100 g/l in tutti gli altri casi;

ii) ottenuta mediante aromatizzazione di alcole etilico di origine agricola o di un distillato di origine agricola o di una o più bevande spiritose o di una miscela di tali prodotti, edulcorati ed addizionati di prodotti di origine agricola o prodotti alimentari quali panna, latte o altri prodotti lattiero-caseari, frutta, vino e vino aromatizzato quali definiti nel regolamento (CEE) n. 1601/91 del Consiglio del 10 giugno 1991 che stabilisce le regole generali relative alla definizione, alla designazione e alla presentazione dei vini aromatizzati, delle bevande aromatizzate a base di vino e dei cocktail aromatizzati di prodotti vitivinicoli (1);

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del liquore è di 15 % vol.;

c) nell’elaborazione del liquore possono essere utilizzate solo sostanze aromatizzanti e preparazioni aromatiche naturali, quali definite rispettivamente all’articolo 1, paragrafo 2, lettera b), punto i), e all’articolo 1, paragrafo 2, lettera c), della direttiva 88/388/CEE e sostanze aromatizzanti identiche a quelle naturali, quali definite all’articolo 1, paragrafo 2, lettera b), punto ii), della medesima direttiva. Tuttavia le sostanze aromatizzanti identiche a quelle naturali definite all’articolo 1, paragrafo 2, lettera b), punto ii), di tale direttiva non possono essere impiegate nell’elaborazione dei seguenti liquori:

i) liquori di frutta:

— ribes neri,
— ciliegie,
— lamponi,
— more di gelso,
— mirtilli,
— agrumi,
— frutti del rovo camemoro (lamponi di Lapponia),
— more artiche,
— mirtilli rossi,
— uva
— uva di monte,
— bacche di olivello spinoso,
— ananassi;

ii) liquori di piante:

— menta,
— genziana,
— anice,
— genepì,
— vulneraria;

L 39/40 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 13.2.2008

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) Il rum è:

i) la bevanda spiritosa ottenuta mediante fermentazione alcolica e distillazione di melasse o sciroppi provenienti dalla fabbricazione dello zucchero di canna, oppure di succo della canna da zucchero, e distillata a meno di 96 % vol., cosicché il prodotto della distillazione presenti in modo percettibile le caratteristiche organolettiche specifiche del rum; oppure
ii) la bevanda spiritosa ottenuta esclusivamente mediante fermentazione alcolica e distillazione di succo di canna da zucchero che presenta le caratteristiche aromatiche cui i rum devono il loro carattere specifico e avente un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 225 g/hl di alcole a 100 % vol.

Questa bevanda spiritosa può essere commercializzata con la parola «agricolo» che qualifica la denominazione di vendita «rum» accompagnata da una delle indicazioni geografiche dei dipartimenti francesi d’oltremare e della regione autonoma di Madera registrate nell’allegato III;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del rum è di 37,5 % vol.;

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5), diluito o non diluito;

d) il rum non è aromatizzato;

e) il rum può contenere caramello aggiunto solo come colorante;

f) il termine «traditionnel» può completare una delle indicazioni geografiche di cui all’allegato III, categoria 1, per il rum ottenuto mediante distillazione a meno di 90 % vol., previa fermentazione alcolica di prodotti alcoli geni originari esclusivamente del luogo di produzione considerato. Tale rum deve avere un tenore di sostanze volatili pari o superiore a 225 g/hl di alcole a 100 % vol. e non può essere edulcorato. L’uso del termine «traditionnel» non osta all’impiego dei termini «ottenuto dalla fabbricazione dello zucchero» o «agricolo», che possono essere aggiunti alla denominazione di vendita «rum» e alle indicazioni geografiche. Questa disposizione lascia impregiudicato l’impiego del termine «traditionnel» per i prodotti da essa non contemplati, in base alle norme specifiche che li disciplinano.

 

DENOMINAZIONE ESCLUSIVAMENTE EUROPEE

Francia
Rhum de la Martinique Francia
Rhum de la Guadeloupe Francia
Rhum de la Réunion Francia
Rhum de la Guyane Francia
Rhum de sucrerie de la Baie du Galion Francia
Rhum des Antilles françaises Francia
Rhum des départements français d’outre-mer Francia

Ron de Málaga Spagna
Ron de Granada Spagna

Rum da Madeira Portogallo

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) La vodka è la bevanda spiritosa ottenuta da alcole etilico di origine agricola, ricavato per fermentazione, in presenza di lieviti di:

i) patate e/o cereali; o ii) altre materie prime agricole, per distillazione e/o rettificazione onde attenuare selettivamente le caratteristiche organolettiche delle materie prime impiegate e dei sottoprodotti della fermentazione. Tale procedimento può essere seguito da ridistillazione e/o da un trattamento con coadiuvanti tecnologici adatti, come il carbone attivo, onde conferire al prodotto caratteristiche organolettiche particolari. I valori massimi dell’impurezza per l’alcole etilico di origine agricola sono conformi a quelli stabiliti nell’allegato I, ad eccezione del contenuto di metanolo che non supera 10 g/hl di alcole a 100 % vol.;

L’alcole etilico di origine agricola possiede le proprietà seguenti:
a) caratteristiche organolettiche: assenza di gusti rintracciabili estranei alla materia prima;
b) titolo alcolometrico volumico minimo al termine della distillazione: 96,0 % vol.;

b) il titolo alcolometrico volumico minimo della vodka è di 37,5 % vol.;

c) gli unici aromi che possono essere aggiunti sono le sostanze aromatiche naturali presenti nel distillato ottenuto dalle materie prime fermentate. Possono essere inoltre conferite al prodotto caratteristiche organolettiche particolari, ma non un gusto predominante;

d) la descrizione, la presentazione o l’etichettatura della vodka non prodotta esclusivamente dalle materie prime di cui alla lettera a), punto i) recano la menzione «distillata da …», accompagnata dal nome delle materie prime utilizzate per produrre l’alcole etilico di origine agricola. L’etichettatura è conforme all’articolo 13, paragrafo 2, della direttiva 2000/13/CE.

Le indicazioni geografiche «Polska Wódka/Polish Vodka» e «Originali lietuviška degtinė/Original Lithuanian vodka» sono registrate per la categoria di prodotti 15, «Vodka», dell’allegato III del regolamento (CE) n. 110/2008.
Tuttavia, i requisiti tecnici relativi a tali indicazioni geografiche coprono anche la vodka aromatizzata. Pertanto, occorre altresì includere tali indicazioni geografiche nella categoria di prodotti 31, «Vodka aromatizzata», del succitato allegato. Allo scopo di informare il consumatore circa la vera natura del prodotto, è necessario che l’etichetta di questo tipo di vodka rechi la denominazione di vendita «vodka aromatizzata» o «vodka» insieme all’aroma predominante.

(4) Occorre pertanto modificare il regolamento (CE) n. 110/2008 di conseguenza.
(5) Per agevolare la transizione fra l’applicazione delle norme del regolamento (CE) n. 110/2008 e quelle del presente regolamento, occorre prevedere la commercializzazione delle scorte esistenti fino ad esaurimento ed autorizzare l’utilizzo delle etichette stampate prima della data di entrata in vigore del presente regolamento fino al 31 dicembre 2015.

 

DENOMINAZIONI EUROPEE

Svensk Vodka/Swedish Vodka Svezia
Suomalainen Vodka/Finsk Vodka/Vodka of Finland Finlandia
Polska Wódka/Polish Vodka Polonia
Laugarício vodka Slovacchia
Originali lietuviška degtinė/Original Lithuanian vodka Lituania
Estonian vodka Estonia
Vodka di erbe della pianura del Podlasie settentrionale aromatizzata con un estratto di erba di bisonte/Wódka ziołowa z Niziny Północnopodlaskiej aromatyzowana ekstraktem ztrawy żubrowej Polonia
Latvijas Dzidrais Lettonia
Rīgas Degvīns Lettonia

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

a) Il whisky o whiskey è la bevanda spiritosa ottenuta esclusivamente:

i) mediante distillazione di un mosto di cereali maltati con o senza chicchi interi di altri cereali, che è stat

— saccarificato dalla diastasi del malto ivi contenuto, con o senza aggiunta di altri enzimi naturali,
— fermentato per azione di lieviti;

ii) con una o più distillazioni a meno di 94,8 % vol., cosicché il prodotto della distillazione abbia un aroma e un gusto provenienti dalle materie prime utilizzate;
iii) mediante invecchiamento del distillato finale per almeno tre anni in fusti di legno di capacità pari o inferiore a 700 l. Il distillato finale, al quale possono essere aggiunti soltanto acqua e caramello semplice (per la colorazione), conserva il colore, l’aroma e il gusto derivanti dal processo di elaborazione di cui ai punti i), ii) e iii);

b) il titolo alcolometrico volumico minimo del whisky o whiskey è di 40 % vol.; 13.2.2008 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 39/29

c) non deve esservi aggiunta di alcole di cui all’allegato I, punto 5, diluito o non diluito;

d) il whisky o whiskey non può essere edulcorato né aromatizzato e non può contenere additivi diversi dal caramello semplice usato come colorante.

 

DENOMINAZIONI EUROPEE

Scotch Whisky Regno Unito (Scozia)
Irish Whiskey/Uisce Beatha Eireannach/Irish Whisky Irlanda
Whisky español Spagna
Whisky breton/Whisky de Bretagne Francia
Whisky alsacien/Whisky dAlsace